Italian Banks and NPL Market – Newsletter 2020-04-21

As reported by Financial Times European Central Bank officials have held high-level talks with counterparts in Brussels about creating a eurozone bad bank to remove billions of euros in toxic debts from lenders’ balance sheets.

The main problem with dealing with a Bad Bank is the proper assessment of distressed assets’ current value and how this is affected by estimation of expected cash flows. If the actual value is lower than trasfer price to the Asset Management Compay the gap need to be filled somehow. Futhermore it need to be considered that quality and Efficacy of management do matters and significanty affect the timing and amount finally collected. (read the full post on my blog)

Charts showing how ratio of non-performing loans has decreased in Eurozone countries in recent years - the ECB is keen to accelerate the fight against toxic debt

On friday 3rd of April I had a very interesting and insightful conversation with with Giovanni Bossi following the questions raised by Morya Longo. We talked on a video conference call open to some 250 professionals that contributed to an intense Q&A section at the end.

Main Takeways of the conversation are collected in this blogpost with the full recording of the video and a link to the slides.

Immagine

Il “Great Lockdown” (definizione mutuata dall’ultimo aggiornamento del Fondo monetario internazionale)  al quale è sottoposta l’economia mondiale potrebbe portare alla più ampia  contrazione del prodotto interno lordo dai tempi della Grande Depressione. Con una correzione di 6 punti percentuali rispetto alle stime di gennaio, il fondo monetario internazionale ha preso una posizione decisa nei confronti delle conseguenze economiche derivanti dalla politiche di contenimento nella diffusione del Covid-19. (leggi l’articolo sulle previsioni IMF)

Si tratta di una cirsi globale, che si abbatte allo stesso modo sulle economie avanzate e sui paesi in via di sviluppo, ma che al tempo stesso avrà effetti differenziati in base al periodo nel quale si è inizialmente diffuso il contagio e alle condizioni di partenza dei diversi sistemi economici. (Leggi il mio articolo su Econopoly24 )

crisis

All’indomani dell’accordo raggiunto dall’Eurogruppo per un insieme di misure (MES con condizionalità ridotta, intervento BEI per sostenere gli investimenti, SURE per integrare la cassa integrazione nazionale)  volto a mobilitare circa 1000 miliardi, il dibattito sui media sembra concentrarsi su presunti vinti e vincitori politici di breve termine, senza riflettere sulle conseguenze per il futuro.

Dietro la narrazione degli interessi contrapposti tra i paesi dell’Europa continentale ossessionati dal rigore contro la richiesta di soccorso per via dell’emergenza dei paesi mediterranei (ai quali in questa sede si è unita la Francia) si celano alcune sconvenienti verità che avranno conseguenze rilevanti nel medio termine. (Leggi l’articolo completo)

Chi ha vinto il Deby MES vs Eurobond?

L’emergenza sanitaria legata al Coivd-19 espone le economie dei paesi sviluppati a una sfida senza precedenti. Per evitare danni permanenti al tessuto produttivo e ai livelli occupazionali del paese è necessario un intervento rapido a supporto di famiglie e imprese, non condizionato dai criteri ordinari di erogazione, né limitato dalle normali possibilità di indebitamento dei governi. Inoltre, occorre evitare complicazioni e passaggi burocratici che rischiano di far arrivare l’aiuto quando è ormai troppo tardi.

Leggi la mia proposta per un Meccanismo unico di sostegno all’economia

Le cose che Draghi non ha detto (specie sugli Eurobond)

Non dovrebbe sorprendere che in giro, specie sui social dove, come spiegato da  sant’ Umberto Eco in tempi non sospetti, pascolano legioni di idioti,  ci siano sciacalli pronti ad approfittare di una calamità come quella che sta attraversando il nostro paese e in particolare la regione Lombardia .

Che però un giornale con la tradizione de La Repubblica, diretto da un professionista come Carlo Verdelli, consenta la pubblicazione di editoriali come Il cielo di Lombardia di Michele Serra, lascia alquanto perplessi (leggi il mio commento )

Ogni giorno grazie alla scienza e alla tecnologia (che è applicazione pratica verso impieghi utili dei principi scientifici)  ci è possibile salvare milioni di vite umane. Osservando la crescita della popolazione mondiale negli ultimi 2 secoli si può osservare come oggi la semplice sopravvivenza di Miliardi di esseri umani sia essenzialmente il risultato dei progressi scientifici e tecnologici che ne assicurano le possibilità di sussistenza.

Eppure, per quanto ovvie e scontate dovrebbero essere importanza e utilità di queste considerazioni, tutti i giorni lasciamo che paure e pregiudizi irrazionali insieme a limiti ideologici ostacolino l’azione della scienza causando sofferenze, disagi e in ultima istanza decessi che si sarebbero potuti evitare.(leggi il mio articolo su Sati Generali )

La retorica del “lasciateli lavorare” trova il suo culmine nelle fasi di emergenza con la colpevole collaborazione dei media di regime che durante i Tg descrivono l’Italia come un modello da seguire per gli altri paesi. A prendere sul serio le misure del gradimento degli esponenti di governo e delle istituzioni coinvolte sembra che la strategia raggiunga l’unico obiettivo rilevante: la manutenzione del consenso.

Chiunque abbia 2 neuroni funzionanti e una coscienza dovrebbe ribellarsi alle più grossolane negazioni dell’evidenza: specie in un momento in cui questa negazione ha un prezzo in termini di vite umane . (leggi l’articolo su Stati Generali)

L’emergenza sanitaria determinata dalla pandemia di Covid-19 sta mettendo in seria difficoltà tutti i paesi del Mondo. Il New York Times ha affrontato la tematica da un punto di vista originale cercando di individuare quale sia il paese che sta ottenendo i risultati migliori nel contenimento del virus e domandandosi se le pratiche risultate più efficaci possono essere riprodotte dagli altri. (leggi l’articolo completo)

Andrea Crisanti, professore di epidemiologia e virologia dell’Azienda Ospedaliera dell’Università di Padova ha rilasciato una serie di dichiarazioni forti nel corso di un’intervista al Globalist Syndication. In sintesi, secondo lo scienziato che ha efficacemente spento il focolaio di Covid-19 di Vo Euganeo, il monitoraggio dei casi positivi è stato ad oggi insufficiente ed ha portato a sottostimare di molto il numero dei contagiati.(leggi l’articolo)

Il primo ministro britannico Boris Johnson, con un cambio di rotta rispetto a quanto dichiarato in precedenza, ha annunciato l’implementazione di misure molto più severe per affrontare l’epidemia di Coronavirus. Secondo Reuters, la decisione sarebbe stata determinata dal fatto che un autorevole centro di ricerca ha stimato in circa 250.000 il numero dei decessi associati alla strategia annunciata in precedenza. (leggi l’articolo)

I video si trovano sul mio canale Youtube grazie anticipate a chi vorrà iscriversi.

Cronache dal Villaggio Globale  E’ la rubrica che curo sul canale Youtube Liberi Oltre Le illusioni  

#SavetheDate CREDIT VILLAGE ITALIAN DIGITAL WEEK

a close up of text on a white background

Do you like this newsletter? Share the link to subscribe

Ti piace questa newsletter? Condividi il link per iscriversi

Are you interested in Italian banks and NPL/UTP market?Ask for a briefing  (in person or via conference call) by sending me a private message.

Most of these updates are published in the Linkedin Group – Entering Italian NPL Market  and Fintech Village

Contents shared in this newsletter are free but time do have an opportunity cost. If like the contents and  want to reward the time deployed to produce them you can make a small donation via Paypal ( a bank wire is also possibile write a message via linkedin o Twitter for details)

follow #Liberi Di Scegliere via @blastingnews

@massimofamularo

Linkedin

Parole Povere

GLG – Gerson Lehrman Group – Council Member

Informazioni su Massimo Famularo

Investment Manager and Blogger Focus on Distressed Assets and Non Performing Loans Interested in Politics, Economics,
Questa voce è stata pubblicata in Newsletter e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...