Ora che “abbiamo una banca” che cosa ce ne facciamo?

Qualcuno una volta disse “abbiamo una banca!” e la cosa non ha esattamente portato fortuna.

Oggi, con riferimento al Monte dei Paschi, possiamo dirlo tutti visto che il Tesoro dovrebbe arrivare a controllare il 70% del capitale con un impegno che potrebbe aggirarsi intorno ai 6,6 miliardi (a cui vanno aggiunti altri 2,2 da conversione di obbligazioni subordinate detenute da investitori istituzionali). Si tratta di cifre indicative, basate su un aumento complessivo da 8,8 miliardi, calcolati applicando criteri analoghi a quelli impiegati per le banche greche e più severi rispetto a quelli utilizzati per il calcolo della shortfall negli stress test di luglio oltre che, ovviamente, ai 5 miliardi dell’aumento “di mercato” recentemente fallito.

Continua su Fattoquotidiano.it

@massimofamularo

Linkedin

GLG – Gerson Lehrman Group – Council Member

Join the Linkedin Group – Entering Italian NPL Market

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Banche, Spunti di riflessione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...